Oggi è la giornata internazionale della donna e noi vogliamo celebrarla, nonostante la situazione di queste settimane ci costringa a cambiare abitudini e stili di vita.

Vogliamo raccontare la storia di Luisa Barucchi, una delle prime donne scout piemontesi, e del suo senso di emancipazione e libertà. Con l’augurio che ancora oggi sia da esempio per noi tutti.

La storia si trova sulla Stampa, cronaca di Torino, di domenica 8 marzo 2020.

“Il viaggio a Firenze a 15 anni. Avevamo bisogno di servire”

Luisa Barucchi, torinese, classe 1935 è stata una delle prime donne scout piemontesi. Tutto è iniziato in seconda media:

“Una compagna di classe mi racconta di un padre domenicano che dalla Francia stava radunando ragazzine per la prima squadriglia. Avevo bisogno di servire, insieme ad altre ragazze”

La guerra era appena finita, con i compagni più grandi portati nei campi di sterminio, le bombe su Torino appena cessate. Quella prima squadriglia, il piccolo gruppo scout, era composta da 6 ragazzine dai 13 ai 16 anni.

“La mia promessa allo scoutismo è ancora qui con me: è datata 22 aprile 1949”. Così a 15 anni “parto in bici per la prima route, l’avventura fuori porta, da Torino a Firenze. La mia famiglia era assolutamente contro, ma io avevo già deciso. Fino ad allora era impensabile che un gruppo di ragazzette se ne andasse in giro in campeggio. Ricordo ancora le facce delle persone che ci guardavano come se fossimo pazze mentre spostavamo carichi pesanti per le attività o per la sede. Quella sensazione di libertà e di amore per la natura”.

E la divisa scout?

“Non avevamo i calzettoni. Il vestiario maschile per noi non era ancora arrivato: avevamo una gonna blu, lunga fino alle ginocchia. Una camicetta color cachi e il cappellone. Ma vederci andare in bicicletta con la gonna causava non pochi problemi. A tutti rispondevamo con una canzone: voi di qui non ci capite, perché tanto non avete in testa un fior e in bocca una canzon”

Tags:

No responses yet

Rispondi

Newsletter

Eventi futuri

Nessun evento imminente

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 334 altri iscritti